Domande Provocatorie

Perchè se muore un soldato – poliziotto – carabiniere (attenzione: non ce l’ho con loro!) diventa un lutto nazionale con 15′ di spazio TG, mentre quando muore un rappresentante di commercio sulla A4 (perchè; qualcuno ha lasciato un cantiere stradale aperto) non gliene frega niente a nessuno?
Qual’è; il numero di participanti sopra il quale un gruppo di persone che blocca una strada o una ferrovia diventa una ‘manifestazione di protesta’ mentre al di sotto si viene multati, arrestati o centrati in pieno da un TIR turco?
Perchè se un italiano perde il posto di lavoro, la casa e spesso la famiglia, diventa un barbone che deve dormire su una panchina ed elemosinare il cibo, mentre un ‘gruppo’ di Rom ha diritto ad avere una casa con luce acqua e gas (come minimo) offerta dallo Stato? E’ forse come la domanda precedente (ovvero, basta essere un ‘gruppo’?)
Quante leggi, decreti e modificazioni abbiamo in Italia ? ovvero, quanti poliziotti ci vorrebbero per farle rispettare? ovvero, quanto tempo e quanti sforzi richiederebbe? ovvero, i tribunali e le carceri esistenti sarebbero sufficienti per tutti?…ovvero, è proprio necessario creare 2 nuove leggi al giorno senza poi poterle applicare?
Chi tiene i conti dello Stato e come? Come è possibile che la Corte dei Conti (o altre istitutzioni preposte), dal 1946 a oggi non sia mai riuscita a sapere quanti soldi incassa lo Stato e quanti ne spende ? L’unica certezza è che a ogni cambio di Governo (di qualsiasi colore!) si trova una ‘voragine’ lasciata dal Governo precedente, salvo poi scoprire che di soldi ne erano rimansti molti di più in cassa.